Loading. Please Wait...
Scroll down
SFIFF59-LOCKUP_NARROW_URL_Blk

59° San Francisco Film Festival: 15 giorni di film

Dal 21 aprile al 5 maggio 2016, 175 film da 46 paesi per il festival più antico d'America

Articles

La 59° edizione del San Francisco International Film Festival si è conclusa il 5 maggio, dopo due settimane di incontri, 175 film da 46 paesi, rassegne e proiezioni spesso sold out.

L’obiettivo del SFFS è celebrare il lavoro innovativo di registi locali e internazionali, di premiare talenti nuovi e affermati, ma soprattutto di creare una comunità per gli appassionati di cinema.
Oltre alla partecipazione attiva del pubblico – masterclass, Q&A, conferenze, concerti – il festival ha permesso l’incontro di circa 350 ospiti filmmakers e addetti ai lavori di 15 nazionalità. Pubblico, volontari, organizzatori, ospiti e press, hanno aderito allo spirito del festival e le sale erano piene, le attività fully booked, i registi entusiasti, un po’ per gli schermi enormi e l’audience numeroso, un po’ per il free bar nel filmmakers’ lounge.

SFFS, il film festival più antico d’America, propone una selezione attenta a voci nuove e alternative, e una programmazione sperimentale, con categorie e partnership dedicate.
Il programma Shorts è particolarmente curato: comprende 74 film, divisi in 7 sezioni. Short narrativi e documentari brevi, cortometraggi di animazione, uno spazio per registi adolescenti, una sezione Family, una sezione New Visions (curata da Chi-hui Yang) e infine i corti sperimentali della categoria Beetween US (fuori concorso, curati da Kathy Geritz e Vanessa O’Neill).

(Da Between us Sperimental Shorts: Starfish Aorta Colossus, Lynne Sachs, Sean Hanley, USA 2015, 5 min)

I vincitori dei Golden Gate Awards 2016, divisi per categoria:
Narrative Short Winner: Night Without Distance, Lois Patiño (Portogallo/Spagna)
•  $2,000 cash
Documentary Short Winner: The Send-Off, Patrick Bresnan, Ivete Lucas (USA)
• $2,000 cash
Animated Short Winner: Manoman, Simon Cartwright (UK)
•$2,000 cash
Special Jury Prize: Glove, Alexa Lim Haas, Bernardo Britto (USA)
New Visions Short Winner: My Aleppo, Melissa Langer (USA)
• $1,500 cash

Bay Area Short First Prize Winner: Extremis, Dan Krauss (USA)
• $1,500 cash
Bay Area Short Second Prize Winner: In Attla’s Tracks, Catharine Axley (USA)
• $1,000 cash

Family Shorts Winner: Bunny New Girl, Natalie van den Dungen (Australia)
•$500 cash
Special Jury Prize: Simon’s Cat: Off to the Vet, Simon Tofield (UK)

Youth Work Winner: Elliot, Dennis Kim (Corea del Sud / USA)
•  $1,000 cash
Special Jury Prize: Lucky Numbers, Chester Milton (USA)
• $500 cash donati dalla Vancouver Film School.

GOOGLE BREAKTHROUGH IN TECHNOLOGY AWARD
“Breakthrough in Technology Award” assegnato da Google per il miglior uso della tecnologia e dell’innovazione.
Winner: From My Head to Hers, Maria Alvarez (USA), crowdfunded via IndieGogo
• $500 cash donati da Google Inc.

Numerosi registi, produttori e programmers della sezione Shorts si aggiravano tra i teatri del quartiere di Mission, nuova location del festival. Fra gli ospiti, c’erano anche Peter Lord, co-foundatore dello studio Aardman (Creature Comforts, Shaun the Sheep, Wallace & Gromit) e Morph, arrivati insieme per ritirare il loro premio, Golden Gate Persistence of Vision Award.


Morph @ SFFS dinner

Inoltre, come ogni anno, la San Francisco Film Society rende possibile o sostiene il lavoro di numerosi artisti attraverso borse di studio, premi e residenze artistiche.
Per info: http://www.sffs.org/filmmaker360

Carolina Cavalli

WHOLA

WHOLA

WHOLA è un gruppo di ragazze nate negli anni ’90. Abbiamo storie un po’ diverse, ma a tutte noi piacciono le storie, soprattutto quelle raccontate bene. 

comments powered by Disqus

On Replay

scroll up