Loading. Please Wait...
Scroll down

Cortisonici 2019, un festival da paura

In occasione della 16esima edizione del festival, a Varese dal 9 al 13 aprile, vi proponiamo i migliori corti delle precedenti annate

Articles

Cortisonici 2019 è un festival da paura. Così la direzione artistica della kermesse varesina presenta la 16esima edizione, dal 9 al 13 aprile. Il motivo è semplice: il focus di quest’anno, dal titolo A sangue fresco, è dedicato al cinema horror contemporaneo. Una vetrina che va dal giapponese Zombie contro Zombie all’horror al femminile St. Agatha, passando per una selezione di cortometraggi a cura del To-Horror Film Fest di Torino.

Il piatto forte di Cortisonici è però il Concorso Internazionale: 24 cortometraggi che arrivano da ogni angolo del mondo, dal vietnamita The Mute di Pham Thien An all’azero Balaca di Ruslan Aghazadeh, passando per Hold On dell’olandese Bart Schrijver e gli italiani Falene di Luca Jankovic e Marco Pellegrino, L’incoveniente di avere il c**** di Astutillo Smeriglia e Parru pi tìa di Giuseppe Carleo.

Cortisonici 2019

Il programma completo di Cortisonici 2019 è disponibile sul sito ufficiale del festival. Per ingannare l’attesa, vi proponiamo una selezione di 6 tra i migliori corti delle precedenti annate.

Einstein-Rosen di Olga Osorio
La Coruña, estate 1982. Teo giura di aver trovato un tunnel spaziale. Il fratello Óscar, però, non gli crede. Una deliziosa commedia sci-fi presentata a Sitges nel 2016, dalla regista di Restart.

Lila di Carlos Lascano
Dal regista argentino di A Short Love Story in Stop Motion e A Shadow of Blue, un mix di texture, animazione, illustrazioni e live-action dedicato a Lila, una ragazza che ha la capacità di “aggiustare” la realtà attraverso i suoi disegni.

Uova di Alessandro Celli
David di Donatello 2008 per il miglior cortometraggio: il tema delicato della violenza domestica raccontato con un’idea fulminante che arriva dritta al cuore.

RM10 di Emir Ezwan
Dalla Malesia, le avventure notturne di una banconota dipingono il ritratto di un’intera società: perché i soldi, in fondo, non dormono mai.

Scrambled di Bastiaan Schravendeel
Può un cubo di Rubik essere ancora un gioco intrigante per i millennials? La risposta nell’animazione in CGI dell’olandese Polder Animation. Qui la nostra recensione.

Il Garibaldi senza barba di Nicola Piovesan
Come realizzare un ottimo prodotto con un budget limitatissimo: le avventure criminali di un improbabile gruppo di anziani rapinatori, a caccia di un preziosissimo francobollo.

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Editor-in-Chief @ Good Short Films

comments powered by Disqus

On Replay

scroll up