Loading. Please Wait...
Scroll down

Anteprima Online: Amore Bambino di Giulio Donato

Un bambino corteggia una bambina con piccoli gesti, ma è un amore che varca lo spaziotempo e diventa allegoria del ciclo della vita

10 – 15 | 2017 | Dramedy | Italy | Live-Action | Love

Ad un campo estivo tutti i bambini si comportano in modo anomalo, poco attivo. Un bambino si innamora di una bambina e la corteggia con dei piccoli gesti. Dopo una corsa verso di lei, il bambino si sente male. E noi scopriamo, ripercorrendo tutte le scene, che i due bambini erano due anziani in una casa di riposo, che si immaginavano vivere (o rivivere?) il proprio amore.

Questa la sinossi di Amore Bambino, secondo cortometraggio di Giulio Donato, giovane autore romano classe 1993 che vanta già un curriculum di tutto rispetto con importanti esperienze come assistente di Abel Ferrara, Giada Colagrande, Asia Argento, Gennaro Nunziante e Roberta Torre.

Questo lavoro, delicato e toccante – che siamo felici di presentare in anteprima online su GSF  dopo aver fatto un bel giro di festival – affronta la tematica dell’amore puro e incondizionato, con una riflessione sulla vecchiaia come possibilità di un ritorno alla spensieratezza dell’infanzia.

Se la vita reale è dura, la memoria e la fantasia possono farci sognare e anche rendere eterno un sentimento. E così, intrecciando il candore delle immagini dell’infanzia, il corto ci porta al volto di Angela che vuole rimanere accanto ad Aldo fino all’ultimo nella casa di riposo, e anche se entrambi bene o male conoscono cosa li aspetta, vogliono solamente concentrarsi spensierati sul proprio amore e sui ricordi, reali o immaginari, che li uniscono.

(Lo storyboard di Amore Bambino)

Nelle parole di Donato: “Il corto parla degli anziani come spunto per una metafora sulla vita in generale, e lo fa analizzando due punti di vista tanto lontani quanto vicini, come l’infanzia e la vecchiaia. Lo scopo è rappresentare l’amore, e il modo di percepire la propria vita. È una metafora rapportabile a qualsiasi età. Anche le persone che hanno una malattia o dei problemi possono immaginare di vivere in un altro mondo. È un messaggio positivo per dire che se uno crede veramente in ciò che vuole sperare, forse può vivere meglio.”

Al regista, che intanto ha girato un terzo corto dal titolo Trincea, auguriamo un grande in bocca al lupo!

Tommaso Fagioli

Tommaso Fagioli

Founder @ Good Short Films. Fond of great stories, great thinkers, great food. My motto is: your motto.

comments powered by Disqus

On Replay

scroll up