Loading. Please Wait...
Scroll down

Skin

Un solitario bambino dedito alla tassidermia fa amicizia con una ragazzina affascinata dal suo hobby. Ma un giorno lui farà una cosa che cambierà tutto.

10 – 15 | 2012 | Childhood | Drama | Live-Action | USA

Piccola cittadina della provincia americana. Ben è un bambino solitario, molto diverso dagli altri. Ha un hobby molto particolare: la tassidermia. Passa le sue giornate ad impagliare scoiattoli e altri animaletti, e non ha molti amici – anzi, a causa di questa sua passione gli altri lo vedono come un mostro. Ha però un’amica, una ragazzina incuriosita ed affascinata da questo bizzarro passatempo. I due legano, si divertono, la vita di Ben è cambiata in meglio. Un giorno però il cane di Samantha muore, e la cosa le spezza il cuore. Ciò che farà il suo amico, nella totale innocenza dell’infanzia, cambierà tutto.

Anche se l’andamento della storia è facile da intuire sin dall’inizio, ciò non rovina l’esperienza spettatoriale. La meravigliosa fotografia dai toni desaturati, unita a un ottimo sound design e soprattutto all’incredibile talento naturale dei due giovani attori, al loro debutto, rendono il corto un prodotto molto valido. Sono soprattutto i due protagonisti e colpire, per vari motivi. Siamo lontani dai bambini perfettini del cinema mainstream americano, sono semplicemente due giovani abitanti di un paesino sperduto nel sud degli Stati Uniti, a tratti sembra quasi di stare guardando un documentario, tanta la naturalezza e la “normalità” che viene percepita.

Questo realismo nell’approcciare l’infanzia sta diventando una tendenza abbastanza diffusa nel cinema indipendente americano contemporaneo, vista in film come Mud e The Place Beyond The Pines. L’elemento aggiunto, però, è quello della tassidermia, un’attività inquietante che va a disturbare il pacato realismo della regista, introducendo qualcosa di disturbante, macabro, al limite dell’orrorifico. Molto toccante anche l’ingenuità con cui Ben decide di porre rimedio alla perdita della sua amica: è proprio la maniera delicata con cui viene mostrata questa innocenza a dare profondità alla storia.

Jordana Spiro è un’attrice televisiva con una lunga carriera alle spalle, al suo terzo corto da regista. Rappresenta l’ennesima prova di quanto il cinema indipendente e il mondo dei cortometraggi siano molto più aperti dell’Hollywood mainstrem ad accogliere e supportare filmmakers donne. Skin è stato presentato al SXSW e a Sundance, dove la regista è stata invitata a partecipare al programma Screenwriter’s Lab, dove ha sviluppato una sceneggiatura su un giovane appena uscito dal riformatorio che vuole vendicare l’assassinio della madre.

Flavia Ferrucci

Flavia Ferrucci

comments powered by Disqus

On Replay

scroll up