Loading. Please Wait...
Scroll down

Dylan

Un giovane transgender ci racconta la sua storia mentre raggiunge Conney Island alle prime luci dell'alba.

2015 | 5 - 10 | Documentary | Identity | Live-Action | USA

Dylan è un film-documentario scritto e diretto dalla regista newyorkese Elisabetta Rohrbaugh e si basa su un’intervista fatta a Dylan Winn Garner, amico d’infanzia, che un tempo era una bambina di nome Emily. Il film ritrae il giovane transgender raggiungere l’area di Conney Island all’alba mentre ci racconta la sua storia, l’esplorazione della comunità trans, l’accettazione della sua identità da parte della famiglia, i primi amori, le difficoltà di relazione, la sua trasformazione fisica ed emotiva.

La lavorazione del film è durata ben dieci anni. Il primo abbozzo del progetto faceva parte di un laboratorio di scrittura tenuto da Jessica Blank e Erik Jensen, noti per la creazione di “The Exonerated“, una pièce di “teatro-documentario”, format a cui la Rohrbaugh si è subito appassionata e che ha utilizzato, una volta perfezionata la sceneggiatura, nella realizzazione di Dylan. 

Il risultato è un lavoro sperimentale molto toccante, che si differenza da tanti altri film sull’argomento. Non cerca soltanto di asserire genericamente l’importanza di essere accettati e della scoperta di sé, ma ci invita a immaginare più nel dettaglio cosa vuol dire essere una persona transgender: dalle difficoltà nei rapporti sessuali e amorosi, alle complicanze di un intervento chirurgico. È quindi un invito a una maggior conoscenza di certe condizioni, e quindi anche ad una maggiore consapevolezza, molto diretto e illuminate.

La Rohrbaugh per altro riesce a miscelare molto bene i codici narrativi con il registro documentaristico. Alla fine del film Dylan – interpretato con incredibile onestà e abilità drammatica dalla trans performer newyorkese Becca Blackwell – si spoglia e si immerge nell’oceano, come per disfarsi simbolicamente di tutte quelle difficoltà che l’hanno oppresso per tanti anni, e trovare la libertà nell’amore e l’accettazione di sé.

Tommaso Fagioli

Tommaso Fagioli

Tommaso Fagioli

Founder @ Good Short Films. Fond of great stories, great thinkers, great food. My motto is: your motto.

comments powered by Disqus

On Replay

scroll up