Loading. Please Wait...
Scroll down

Pablo’s Villa

Pablo Novak è l'unico abitante della città fantasma argentina Villa Epecuén: questa è la sua affascinante e incredibile storia

2013 | 5 - 10 | Australia | Documentary | Man and Nature

Villa Epecuén è un suggestivo paese argentino, 500 chilometri a sud-ovest di Buenos Aires. Negli anni ’20 divenne un grande insediamento turistico grazie alle acque curative del lago salato. Ogni stagione migliaia di visitatori, hotel di lusso, ristoranti, negozi alla moda, discoteche. Fino al 1985, quando le forti piogge sulle colline circostanti causarono un lento e progressivo aumento del livello del lago. Tutti gli abitanti lasciarono le loro case, tranne uno: Pablo Novak.

Pablo è uno splendido 85enne e la sua storia ha fatto il giro del mondo. Pablo’s Villa di Matthew Salleh e Rose Tucker la fa rivivere in 7 minuti: una famiglia numerosa (dodici fratelli, sei uomini e sei donne), il primo amore, la musica che arrivava dagli hotel degli stranieri, il lavoro tra i campi e i cantieri, l’esondazione, la speranza della ricostruzione e vent’anni di magnifica solitudine. È dal 2009 che il cambiamento delle condizioni climatiche sta causando una lenta diminuzione del livello dell’acqua. Villa Epecuén è riemersa. Ma a Pablo non sembra interessare granché: non sente la necessità di parlare con altre persone, non dipende da nessuno, non ha proprietà. Rassegnato, contento e tranquillo, Novak è un uomo profondamente vivo. D’altronde, lo diceva suo padre che era un azzardo costruire su terra salata, dove non c’era acqua. Oggi il ciclo si ripete.

Lontano dalle spericolate evoluzioni trial girate da Dave Sowerby per Danny MacAskill, Salleh racconta questa incredibile Atlantide (il fotografo francese Romain Veillon l’ha definita la cité engloutie) attraverso il corpo e la voce di Pablo, lavorando su un montaggio di campi lunghi, dettagli e foto d’epoca (messe a disposizione dal Museo de Carhué). Un luogo di rovine e memorie, di attese e silenzi, che lo score di Steve Salvi fa vibrare come le corde della sua chitarra. 

Pablo’s Villa è stato selezionato in numerosi festival, tra i quali Sydney, Montreal e Slamdance. Matthew Salleh e Rose Tucker sono regista e produttrice della Urtext Films: insieme hanno realizzato Please Don’t Rush (2013, le difficoltà di una scuola per bambini ciechi in Laos) e Central Texas Barbecue (2014, l’arte del barbecue ai tempi delle tendenze fashion-enogastronomiche). 

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Editor-in-Chief @ Good Short Films

comments powered by Disqus

On Replay

scroll up