Loading. Please Wait...
Scroll down

Supermarket – di Gianluca Abbate

Un invito a liberare la mente e a rilassarsi ci accompagna mentre il caos prende forma sullo schermo...

2018 | 5 - 10 | City Life | Experimental | Italy | Video Art

“Vorrei che ti mettessi a tuo agio, libero da ogni pensiero…”: così inizia Supermarket, il secondo capitolo della trilogia di Gianluca Abbate sulla società contemporanea e il rapporto tra soggetto e paesaggio. Un racconto delle città che mette in scena un mondo nel quale lo spazio vitale viene a mancare proprio per eccesso di spazio.

L’invito a liberare la mente e a rilassarsi, mentre il caos prende forma sullo schermo, è l’elemento ipnotico e straniante che caratterizza Supermarket. Una folla indistinta sembra non sapere dove andare, in realtà stanno tutti dormendo e tutti vogliono sognare. Vediamo scorrere sullo schermo persone sorridenti (ed inconsapevoli) che scattano selfie, barconi pieni di migranti che navigano verso un porto chiuso (un altro spazio vitale negato per eccesso di spazio), merci che ondeggiano e manifestazioni di piazza. Fino a un sorprendente finale sott’acqua, finalmente al di fuori del nostro corpo.

supermarket

L’eccesso si è elevato a regola nella distopia di Gianluca Abbate, presentata al Torino Film Festival 2018 come il pluripremiato Panorama. Il lungo carrello orizzontale del suo precedente lavoro, in cui si vedeva scorrere una città senza confini, si è fermato per riprendere da vicino le persone e coglierne i gesti, immersi in uno spazio caotico fluttuante.

“L’idea – ha raccontato il regista – è nata osservando gli spazi urbani sempre più invasi da grandi banner o schermi pubblicitari. Queste immagini giganti, che riproducono spesso prodotti alimentari e tecnologici, visibili dietro alle persone, creano una visione grottesca. Tutto ciò per me rivela quanto strane e sbilanciate siano non solo le proporzioni tra individuo e immagini ma anche tutte le distorsioni di senso che questo comporta”. L’uomo diventerà un ibrido meta-organico e bio-macchinale, ha profetizzato Raymond Kurzweil, celebre futurologo ed esperto di IA. Gianluca Abbate ha visualizzato l’eccesso tecnico-scientifico e l’universalismo consumista che ha già rivoluzionato la nostra vita quotidiana.

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Editor-in-Chief @ Good Short Films

comments powered by Disqus

On Replay

scroll up